Polaramin, caratteristiche e indicazioni terapeutiche

Cosa è Polaramin, una crema utile contro pruriti e dermatiti: ecco come si usa!

polaramin

Polaramin è un farmaco a base di desclofeniramina maleato, utilizzato nel trattamento sintomatico delle dermatiti pruriginose, dell’eritema solare e delle punture di insetto. Si tratta di un prodotto particolarmente comune sul mercato italiano, per uso topico, con elevati gradi di efficacia e di sicurezza che lo rendono certamente favorito rispetto ad altri farmaci alternativi.

Come usare il Polaramin?

Il prodotto deve essere applicato spalmando una quantità di crema proporzionale alla zona interessata direttamente sulla regione cutanea che è contraddistinta dal processo patologico 2-3 volte al giorno. Una volta spalmata, la crema deve servire per poter massaggiare delicatamente la stessa zona, al fine di garantire un completo assorbimento.

Polaramin in gravidanza e in allattamento

Punture

Di norma, l’utilizzo di Polaramin è ben tollerato: nonostante ciò, è naturalmente necessario che il paziente che applica l’automedicazione mediante tale crema, tenga a mente alcune norme igienico – sanitarie di principale riferimento che sono utili per poter limitare l’insorgenza di potenziali effetti collaterali, ottimizzando così l’efficacia terapeutica. In particolar modo, è fondamentale cercare di detergere accuratamente le mani dopo l’applicazione della crema, evitando così di toccare occhi e mucose con la sostanze. È inoltre opportuno evitare l’applicazione della crema su regioni della pelle che sono particolarmente estese, o che sono interessate da processi patologici essudanti. Ancora, è fondamentale evitare la diretta esposizione ai raggi solari.

Per quanto concerne la gravidanza e l’allattamento al seno, è consigliato che l’uso di Polaramin avvenga solo ed esclusivamente sotto la stretta supervisione del proprio medico, che potrà ponderare l’effettiva necessità di ricorrere all’assunzione di tale farmaco.

Effetti indesiderati Polaramin

polaramin effetti

L’utilizzo di Polaramin potrebbe determinare delle reazioni avverse locali e transitorie. Pur minoritari e legati principalmente a un utilizzo particolarmente prolungato nel tempo, ricordiamo pertanto che tra gli effetti indesiderati e collaterali non può essere esclusa la comparsa di reazioni quali il bruciore, le eruzioni cutanee, la secchezza cutanea, la fotosensibilizzazione.

Ricordiamo altresì che attualmente non sono note delle interazioni farmacologiche degne di nota clinica del Polaramin, e che il suo utilizzo è, come intuibile, controindicato in tutti quei pazienti che sono ipersensibili al principio attivo della descloferniramina, e a uno o più dei suoi eccipienti.

Polaramin compresse

Oltre che in forma farmaceutica di crema, per applicazione topica, Polaramin è disponibile in compresse da mg di pricncipio attivo, a rilascio modificato, indicate soprattutto per poter procedere al trattamento sintomatico delle pollinosi stagionali come le riniti e le congiuntiviti, dell’orticaria, del prurito e della rinite vasomotoria. La dose abituale per i soggetti adulti è di una compressa da 6 mg alla mattina, e una alla sera.

Si tenga conto, così come avviene per la crema, anche l’uso di Polaramin compresse a rilascio modificato non dovrebbe essere utilizzato durante la gravidanza e l’allattamento al seno, in assenza di studi controllati. Pertanto, è sempre opportuno parlare con il proprio medico curante dei vantaggi che si potrebbero ottenere con l’assunzione del farmaco, di fronte a rischi possibili per la madre e per il feto. È comunque vietato l’utilizzo nel terzo trimestre di gravidanza, poichè i neonati e i nati prematuri potrebbero sviluppare gravi reazioni agli antistaminici.