Diarrea, l’improvviso malessere che ci porta in bagno, che può avere molte cause

La diarrea è una manifestazione clinica che interessa l’intestino ed è causata da diversi fattori come malattie croniche infiammatorie, virus gastrointestinale, abuso di alcuni alimenti, bevande o farmaci e molti altri fattori scatenanti.

Diarrea

La diarrea è una manifestazione clinica che interessa il tratto intestinale ed è caratterizzata principalmente da un notevole aumento della defecazione, con la diminuzione della consistenza, e frequenza delle scariche giornaliere. Tale patologia può essere acuta, se ha una durata di solo due settimane, persistente se supera le quattro, e cronica se ha una durata superiore.

Farmaci contro la diarrea

Diarrea farmaci

I farmaci più utilizzati per contrastare la diarrea sono:

1. Antidiarroici: tali medicinali sono inibitori della motilità intestinale, e devono essere utilizzati solo in presenza di diarrea acuta. Si raccomanda di assumere, tramite endovenosa, soluzioni elettrolitiche quando la diarrea è accompagnata da disidratazione.
2. Lactobacillus: questo prodotto è anch’esso antidiarroico di origine microbica, ed è indicato per trattare la diarrea associata a colite, o dispepsia specialmente nei neonati.
3. Bismuto salicilato: tale prodotto antidiarroico va somministrato tra gli 87 ed i 262 mg da assumere ogni 30 o 60 minuti.

Oltre a questi farmaci è possibile acquistare in farmacia il Leoperamide, il Difenoxilato e la Codeina.

Cosa mangiare se si ha la diarrea

diarrea Cosa mangiare

In presenza di diarrea ci sono alcuni cibi che si devono evitare ed altri che si possono consumare senza problemi, e questi sono: pane bianco tostato, pane senza mollica, fette biscottate, farina bianca di tipo 00, semolino, riso, manzo, pollo, vitello, pesce lesso, formaggi freschi non fermentati, uova sode o in camicia, bresaola, prosciutto sia crudo che cotto privo di grasso, lattuga, carote, spinaci, patate lesse, albicocche, ananas, banane, limone, mele, pompelmo e pesche.

Per i condimenti delle pietanze è preferibile utilizzare l’olio di oliva extravergine da aggiungere a crudo. Una cosa importante da tenere presente è che in presenza di diarrea, il fisico si disidrata, per questo è utile reidratarlo bevendo almeno 8 bicchieri di acqua naturale al giorno.

Diarrea acquosa cause e diarrea liquida

Diarrea acquosa cause e diarrea liquida

La diarrea acquosa si manifesta quando vi è un aumento delle secrezioni e quando l’intestino secerne più elettroliti ed acqua di quanta invece riesce ad assorbire. Una delle cause più comuni è la presenza di infezioni, come la gastroenterite o la tossinfezione. Anche i grassi alimentari possono dare origine alla diarrea acquosa, perché non vengono assorbiti, come accade ad esempio per la sindrome di maleassorbimento. Tra le cause determinanti vi sono anche i tumori endocrini, il carcinoma midollare della tiroide ed i tumori carcinoidi.

La somministrazione di determinati farmaci potrebbe influenzare la secrezione intestinale e dare origine in questo maniera alla diarrea acquosa. Quando si manifesta la diarrea liquida invece, questa è dovuta dalla presenza di malattie croniche intestinali, come la retto colite ulcerosa, oppure il morbo di Crohn. Anche il morbo celiaco e l’insufficienza pancreatica sono fattori determinati in presenza di diarrea liquida. Quando la muscolatura dell’apparato è liscia, il transito delle feci può accelerarsi, e tendenzialmente, alcuni farmaci sono i responsabili di tale avvenimento, come gli antiacidi che contengono il magnesio, alcuni lassativi ed inibitori della colinesterasi.

Rimedi naturali contro la diarrea

diarrea Rimedi naturali

In presenza di diarrea è bene tenere a mente qualche ritrovato della nonna, efficace per contrastare questo fastidioso sintomo. L’alimentazione gioca un ruolo molto importante, e per questo bisogna prediligere degli alimenti che non favoriscono il transito intestinale come il pane, le fette biscottate, le patate lesse, il riso ed il limone che sono astringenti, le mele cotte e bere tanta acqua per idratare l’organismo. Quando la diarrea ci coglie impreparati, si possono realizzare facilmente in casa delle limonate senza zucchero da consumare a temperatura ambiente ed a piccoli sorsi.

Sinonimo di diarrea

diarrea Sinonimo

Il sinonimo di “diarrea”, ovvero del transito intestinale frequente che può essere determinato da diversi fattori è la parola “Dissenteria”. La dissenteria è una malattia di origine infettiva che ha colpito l’apparato digerente ed è causata dalla somministrazione di alimenti infetti, oppure di liquidi contaminati da microrganismi. I sintomi di tale infezione sono appunto la diarrea, la febbre alta, i dolori addominali ed il tenesmo rettale, ovvero la sensazione frequente di incompleta defecazione. A causare tale patologia sono diversi agenti infettivi come i virus, i batteri, i protozoi ed i vermi parassiti.

Cause della diarrea

diarrea Cause

Tra le cause principali che scatenano la diarrea ricordiamo le infezioni batteriche o virali, ma tali manifestazioni potrebbero essere causare anche da intolleranze alimentari. Moltissime persone non sono in gradi di digerire determinati alimenti, come il lattosio ad esempio, oppure lo zucchero presente in esso. Anche la presenza di parassiti potrebbe scaturire la diarrea, ed i parassiti interessati sono: giardiasi lambliasi, entameba istolitica e Cryptosporidium. Alcuni farmaci antibiotici o quelli per la pressione arteriosa così come i chemioterapici e tutti quelli che contengono il magnesio, possono dare origine a diarrea. Ma alla base della diarrea ci possono essere anche gravi patologie croniche del tratto intestinale, come la retto colite ulcerosa, il colon irritabile, il morbo di Crohn ed anche la celiachia.

Alimentazione in caso di diarrea

diarrea alimentazione

L’alimentazione gioca un ruolo molto importante quando si manifesta la diarrea, per questo ci sono alcuni cibi che bisogna preferire rispetto ad altri e sono: patate lesse, pollo privo di pelle, pesci magri bolliti con limone spremuto, riso in bianco, tuorlo d’uovo, limone, mele cotte, carote al vapore o lesse, ananas, pompelmo e banane, yogurt magro; aglio per sconfiggere i batteri intestinali; crusca d’avena perché ricca di fibre in grado di assorbire l’acqua.

Tra gli alimenti da evitare ricordiamo: cibi insaccati e conservati; cibi fritti, stufati, brodetti ed umidi; cavoli e verdure ricche di fibre, perché stimolano la motilità intestinale; Arance, castagne, frutta acerba ed acidula ed uva sia bianca che rossa; formaggi grassi e fermentati, ricotta e panna fresca, brodo di carne, carne rossa e selvaggina, bevande fredde e gelato, super alcolici ed alcol in generale. Per idratare l’organismo che a causa della diarrea perde grandi quantità di liquidi, bisogna sorseggiare molta acqua, tè oppure tisane preferibilmente senza zucchero.